Google My Business: cos’è, come funziona, statistiche e recensioni

Scritto da | 2018-04-17T17:01:53+00:00 30 marzo 2018|

    Google My Business

    Cos’è Google My Business

    Google My Business rappresenta il punto di riferimento per qualsiasi azienda che voglia gestire la propria presenza online su Google, compresi Motore di Ricerca e Google Maps. Finalmente sei tu ad avere il controllo delle informazioni della tua azienda (indirizzo, orari, sito web, immagini, etc) e puoi interagire con gli utenti grazie alle recensioni e ai post.

    Se hai un’attività che serve i clienti presso una determinata località (ristorante, albergo, carrozzeria, centro estetico, etc) oppure offri i tuoi servizi in una certa zona  (pizza d’asporto, per esempio) è fondamentale utilizzare Google My Business, in modo tale da aiutare i clienti a scoprire i prodotti e i servizi che offri, a contattarti e a trovare la tua sede. Inoltre, le attività verificate su Google hanno il doppio delle possibilità di essere considerate affidabili dai consumatori.

    Un’unica identità! Finalmente hai la possibilità di gestire tutte le informazioni in un’unica dashboard  e monitorare le performance tramite le statistiche, che vedremo più avanti in questo post.

    Google My Business è Gratuito!

    Viene indicato chiaramente nell’home page del sito ufficiale e te lo ribadisco io: il servizio è totalmente gratuito!

    Google My Business

    Perché Google ha creato Google My Business?

    L’annuncio ufficiale è avvenuto il 11 Giugno 2014, ecco qui un estratto:

    Qualsiasi attività commerciale ha una componente essenziale: i clienti. Sono loro che fanno crescere un’azienda, ed è la loro passione per i vostri prodotti che rende gratificante l’esperienza di gestire un’attività. Per molti imprenditori, i clienti sono più che dei semplici avventori: sono habitué, sostenitori e amici. In altre parole, persone che contano davvero.

    Grazie a Internet, sempre più attività commerciali si mettono in contatto con nuovi clienti ogni giorno. Trovare una clientela affezionata, tuttavia, può risultare difficile e richiedere molto tempo. Vorremmo che le cose cambiassero. Ecco perché siamo lieti di presentare Google My Business, un modo semplice e gratuito per trovare e mettervi in contatto con nuovi clienti, ovunque voi siate.

    versione originale http:/googleandyourbusiness.blogspot.it/2014/06/help-your-business-shine-with-google-my.html

    Google My Business è basato su 3 semplici idee:

    1. Dare visibilità alle attività commerciali in una realtà social e mobile ricca di interazioni.
    2. Aiutare le attività ad avere successo consentendo loro di creare e monitorare l’identità aziendale online.
    3. Un punto di accesso ai prodotti commerciali Google (esempio Adwords Express).

    Se le aziende si presentano al meglio, aggiornano i propri dati ed interagiscono con gli utenti, va a beneficio di tutti: gli utenti avranno informazioni precise e puntuali, i brand intercetteranno più clienti e Google potrà vendere la pubblicità ad aziende felici e contente.

    Come registrarsi a Google My Business

    Prima di tutto devi accedere al tuo account Google. Non hai un account Google? Ma dai… ok, è arrivato il momento di creare un account Google. Poi, bello come il sole vai alla pagina Google My Business e fai clic su Prova ora nell’angolo in alto a destra.

    1. Inserisci il nome della tua attività.
      (Google potrebbe suggerirti dei nomi mentre digiti)
      Registrazione Google My Business
    2. Inserisci l’indirizzo della tua attività.
      registrazione indirizzo google my business
      Se gestisci un’attività al domicilio del cliente, seleziona la casella Consegno beni e servizi ai miei clienti e poi indica l’area di consegna. Questo è un dato fondamentale: sarà usato da Google per visualizzare o meno la tua attività ai clienti. 
      Area Consegna Google My Business
    3. Cerca e seleziona una categoria dell’attività commerciale.
      categoria attività google my business
    4. Inserisci un numero di telefono e/o indirizzo sito web.
    5. A questo punto la registrazione è completata, è necessario “solo” eseguire la verifica.
    6. Clicca su spedisci per ricevere la cartolina presso la sede della tua attività.
      In attesa della cartolina puoi compilare tutte le informazioni utili per i clienti, compreso immagini.
      scegli metodo verifica google my business

    Ricezione della cartolina

    Google dice che nel giro di qualche settimana dovresti ricevere la cartolina. Che ci fai con questa cartolina? All’interno troverai il codice di verifica unico che dovrai inserire in Google My Business per confermare che la tua attività sia proprio presso l’indirizzo indicato. Ti consiglio di aspettare almeno 30 giorni e poi inizia a chiedere info al supporto clienti oppure a Chuck Norris.

     Completamento della verifica

    Appena ricevuta la cartolina di verifica, festeggia per una settimana, poi torna su Google My Business e clicca Verifica ora e inserisci il codice presente nella cartolina.

    codice verifica google my business

    A questo punto, sei pronto per conquistare il mondo online. Se qualcuno ti dovesse contattare per offrirti per soli 500 euro la creazione della scheda Google My Business, sei autorizzato a mandarlo a cagare. Questo non vuol dire che sia tutto semplicissimo, ma questa operazione evidentemente sì. Se hai settordici sedi, hai delle vecchie schede e non sai come modificarle, vuoi inserire Google My Business (giustamente) in una strategia di comunicazione più articolata, ti conviene affidarti a dei professionisti, oppure a Chuck Norris.

    Recensioni su Google

    Le recensioni su Google sono importantissime. Vengono visualizzate accanto alla tua scheda in Maps e nel Motore di Ricerca e possono essere un fattore determinante nelle scelte dell’utente.

    • Solo le attività verificate su Google My Business posso rispondere alle recensioni.
    • Invita i tuoi clienti a lasciare recensioni positive.
    • Rispondi alle recensioni (che te lo dico a fare).
    • Puoi segnalare recensioni non appropriate

     

    Creare un post su Google

    Il consiglio è: differenziati. Dopo aver inserito le informazioni basilari della tua attività che ti permetterà di essere presente su Google Search e Google Maps, ti consiglio di aggiungere più immagini possibili, per invogliare l’utente a cliccare sulla tua attività e non quella di un concorrente.

    Vuoi avere un ulteriore vantaggio? Crea post per mostrare contenuti aggiornati ai clienti che trovano la tua scheda su Google. Realizzare un post è semplicissimo:

    • Vai nel menu Post.
    • Inserisci immagini e testo.
    • Visualizzare un’anteprima e se sei soddisfatto fai clic su Pubblica nell’angolo in alto a destra della schermata.

    Creare un Post su Google My Business

    Ricordati che:
    • Puoi modificare e cancellare un post quando ti pare.
    • Poco dopo la pubblicazione, il post verrà visto dai clienti su Google Search e Maps.
    • Per ogni post è possibile monitorare le visualizzazioni e clic.
    • I post vengono rimossi dalla visualizzazione dopo sette giorni.
    • I post NON sono al momento disponibili per attività che forniscono servizi di ospitalità o alloggio (ad es. gli hotel, vai a capire perché).

    Statistiche

    Per accedere alle statistiche di Google My Business basta cliccare sulla voce “Statistiche” nel menu principale sulla sinistra. Vediamo insieme le voci principali.

    Come i clienti trovano la tua scheda

    Ricerca Diretta e Scoperta

    Dove i clienti ti trovano su Google

    Dove i clienti ti trovano su Google

    Azioni dei clienti

    Azioni dei clienti

    Visualizzazioni Foto

    Visualizziazioni Foto

     

    Gestione foto dell’attività su Google My Business

    Libertà!!!! Finalmente non sarà più Google a decidere che foto utilizzare per pubblicizzare la tua attività, puoi farlo direttamente dalla sezione Foto. È una opportunità enorme che hai a disposizione, non sciuparla con foto di stock oppure, peggio ancora, non mettendo nulla. Non puoi permettertelo: le foto consentono agli utenti di trovare la tua attività su Google, inclusi Ricerca Google e Maps.

    foto google my business

    Puoi sfruttare ben 5 sezioni per suddividere al meglio la tua immagine:

    • Video (è l’anno dei video, lo sapevi?)
    • foto interno
    • foto esterni
    • foto al lavoro  (ti prego non metterti in posa alla scrivania mentre rispondi al telefono, sono più scontate di un divano Poltronesofà)
    • foto del team (ti prego non comprare foto di stock, sono più finti dee capelli della Barbie)
    • foto identità (è la prima sezione che dovresti compilare)
      • Profilo
      • Copertina

    Google Maps Business View

    Oltre a gestire le foto su Google My Business, con la stessa tecnologia di Street View di Google Maps, il team di Google porta le persone all’interno dell’attività commerciale creando un virtual tour a 360 gradi. Google Maps Business View è la migliore vetrina online che un negozio, ristorante, hotel, pizzeria e qualsiasi altra attività commerciale possa avere. È un’opportunità importante per tutte le aziende che desiderano coinvolgere nuovi clienti online.

    Conclusioni

    Con Google My Business puoi prendere il controllo delle informazioni riguardanti il tuo brand , inoltre tramite la dashboard delle statistiche puoi scattare una fotografia abbastanza chiara della tua presenza nell’ecosistema Google, che se abbinato alle altre informazioni che puoi recuperare tramite Google Analytics la rendono ancora più nitida.  Perché limitarsi solo all’inserimento dei dati del brand? Pubblica dei post per rendere ancora più visibile la tua attività. Più utenti trovano i tuoi contenuti, più utenti li condividono, più utenti ti seguono aumentando la portata dei tuoi contenuti.

    LE COSE SONO SEMPLICI FINO A QUANDO NON SI COMPLICANO

    Registrarti su Google My Business è certamente il primo passo da compiere, potrebbe essere semplicissimo oppure complicarsi un po’ per via delle attività eseguite in passato o per altri mille motivi.
    Il mio consiglio è di usare i canali ufficiali per l’assistenza:

    Oltre ai tecnicismi è necessario pianificare un’efficace strategia digitale, che contempli l’uso sistematico di Google My Business.

     

     

    buzzoole code

    Qualche informazione in più su

    Uomo di marketing creativo e con le mani sporche di codice.

    Imprenditore, brand builder, marketing manager, growth hacker e attivatore di persone. Più che decennale esperienza nella creazione di piani editoriali, strategie di email marketing e content marketing.

    Padre di SEO&Love, Beach&Love, Social&Gym e tre figli stupendi.

    37 Commenti

    1. […] In questo articolo non voglio trattare l’argomento riguardante le molteplici possibilità di utilizzo che aiutano in maniera decisiva qualsiasi Azienda, PMI o Professionista a realizzare la propria comunicazione online per far conoscere e promuovere prodotti e servizi alle persone che utilizzano internet per effettuare le loro ricerche per categoria merceologica, brand e altro ancora. Per questo suggerisco un interessante articolo pubblicato da Salvatore Russo dove spiega “passo dopo passo” tutte le funzionalità di Google My Business. […]

    2. […] Local senza Google My Business a me fa strano. Tanti ancora non lo usano, tanti solo perché non lo conoscono. Quando ne parlo nei […]

      • Gabriele 16 gennaio 2017 al 11:16 - Rispondi

        Ciao Salvatore,complimenti per i tuoi articoli sempre chiari fluidi e interessanti…ti espongo il mio problema e vediamo se potresti darmi qualche suggerimento: Ho creato da meno di un anno per la mia azienda di trasporti e sollevamenti un nuovo sito web con con tanto di blog aggiornato costantemente ricco di foto e spunti interessanti,questo anche per guadagnare posizioni nella ricerca google…poi ho scoperto google business e per avere piu’ vetrina mi sono messo sotto per renderla visibile, ma questa non solo stenta a decollare ma ho come l’impressione(forse sbagliata) di aver perso la visibilita’ acquisita in precedenza….Se fosse possibile vorrei che ci dessi un’occhiata per vedere se sono io che sbaglio e magari dove o se ci vuole pazienza…in questo momento sono demoralizzato dalla situazione
        Grazie ti saluto

    3. […] Approfondisci Google My Business con Salvatore Russo. […]

    4. laura 12 maggio 2015 al 13:00 - Rispondi

      Scusa una domanda stupida: se un cliente per il quale devo fare un sito web non ha un profilo google, glielo devo fare creare o lo creo io a suo nome? Google è diventato troppo personale e non capisco mai come comportarmi per non ledere la privacy ma lavorare per gli altri che non ne hanno voglia. Tu come faresti, li costringi a far da soli o inserisci tu i loro dati? Grazie.

      • Salvatore Russo 14 maggio 2015 al 23:18 - Rispondi

        Puoi crearlo tu e poi girargli la proprietà. Solitamente io preferisco che sia il cliente ad eseguire queste operazioni, seguendolo in ogni passaggio. Insomma bisogna spiegargli bene l’importanza di ciò che sta facendo e convincerlo a fare un minimo sforzo per il raggiungimento degli obiettivi.

    5. sara 9 giugno 2015 al 10:42 - Rispondi

      seguendo le indicazioni di google+my business, ho aperto la pagina come Brand in quanto l’azienda per lo più si occupa di esportazione di prodotti, adesso mi chiedevo se fosse possibile passare a “area copertura del servizio” in modo da poter inserire anche l’indirizzo tramite google maps. Premetto che nelle informazioni di contatti l’indirizzo è stato inserito ed è stata fatta anche la verifica del sito. Non so se questa procedura è fattibile, volevo evitare di aprire un’altra pagina e perdere tutto il lavoro fatto finora.
      Grazie 🙂

      • Salvatore Russo 9 giugno 2015 al 11:16 - Rispondi

        Ciao Sara,
        non credo che per “area copertura del servizio” si intendano società che fanno esportazione di prodotti.
        Quindi reputo corretta la pagina brand. In ogni caso, non puoi trasformare una pagina brand in pagina local

    6. Adelaide Pereira 13 luglio 2015 al 16:15 - Rispondi

      Ciao,
      ho un profilo personale google + ma mi piacerebbe creare un profilo per il mio blog che avesse il nome del blog e non il mio nome/cognome.
      E’ possibile oppure vietato dal regolamento di google +?
      E la pagina? Conviene avere una pagina per un blog? Oppure le pagine di google + sono utili solo per le aziende?
      Grazie!

      • Salvatore Russo 14 luglio 2015 al 23:07 - Rispondi

        Ciao Adelaide,
        non è vietato, anzi…
        Puoi realizzare una Pagina Google+ collegata al tuo blog

    7. Monia 19 luglio 2015 al 20:07 - Rispondi

      Ciao Salvatore ho letto l’articolo veramente molto interessante, complimenti. Sono una psicologa e ho creato una pagina google my business. Scrivo post tutti i giorni, appaio nelle mappe ma non appaio nelle prime voci delle mappe per una determinata parola chiave. Ho notato che alcuni che sono nelle mappe prima di me interagiscono, non mettono post, e non condividono nulla, com’è possibile?
      Hai qualche consiglio da potermi dare?
      Grazie

      • Salvatore Russo 28 luglio 2015 al 22:41 - Rispondi

        Ciao Monia,
        grazie mille 😉 ti ho mandato una mail per richiederti le parole chiavi e la città così faccio dei controlli

    8. andrea 30 luglio 2015 al 21:18 - Rispondi

      Ho scoperto il tuo blog e tutto il resto grazie ad un podcast, mi hai dato tanti spunti interessanti e su alcuni ho già visto dei risultati. Grazie 🙂

      Però c’ho un dubbio, io sono un fotografo professionista e non so se è meglio spingere il profilo g+ oppure la pagina g+(che ho creato ieri…) Tu cosa mi consigli per attirare nuovi clienti?

      • Salvatore Russo 2 agosto 2015 al 21:37 - Rispondi

        Ciao Andrea,
        magari sapessi fotografare! Su Google+ i fotografi hanno un ottimo seguito, ti consiglio di usare Circlecount.com per trovare qualche fotografo con buon seguito e prendere qualche spunto interessante. In merito alla questione pagina o profilo direi che non c’è una risposta standard. Nel tuo caso direi che hai fatto bene a realizzare la pagina, ma spingerei, almeno nella prima fase, maggiormente il profilo.

        • andrea 5 agosto 2015 al 12:20 - Rispondi

          Magari sapessi di marketing quanto ne sai te 😉
          Se hai bisogno di qualche dritta fotografica chiedi a me…

          Circlecount.com è molto interessante, me lo studio bene nei prox giorni.

          Grazie della risposta.

    9. Lina 7 settembre 2015 al 11:35 - Rispondi

      Ciao Salvatore, un consiglio. Ci è stato proposto da una società esterna un servizio Google Business con 5 parole chiave al costo di 199 euro più iva senza canone o abbonamento, in modo di poter apparire come società ad ogni ricerca nella nostra zona, al primo posto, tu cosa ne pensi? Ho cercato la società e mi sembra agli inizi ma non essendo esperta di marketing mi volevo tutelare prima di “buttare” via dei soldi.
      Ti ringrazio in anticipo.

      • Salvatore Russo 7 settembre 2015 al 14:28 - Rispondi

        non conosco la società, ma ad ogni ricerca avere il vostro brand al primo posto nemmeno Google può garantirtelo.

    10. Leonardo 9 settembre 2015 al 18:57 - Rispondi

      Nella mia pagina in alto compare “Richiedi URL”. Di cosa si tratta esattamente e a cosa potrebbe servire in concreto ?
      Ringrazio sin d’ora per la cortese risposta.
      Leonarco

      • Salvatore Russo 10 settembre 2015 al 15:09 - Rispondi

        Ciao Leonardo,
        adesso il link della tua Pagina Google+ ha un serie di numeri, quindi impossibile da ricordare.
        “Richiedi URL” ti permettere di ricevere un link più corto e comprensibile, solitamente il nome del tuo sito. Quindi se dovessi realizzare una Pagina Google+ per il mio blog dovrebbe venire fuori una cosa tipo https://plus.google.com/+salvatorerussoit

    11. […] Giugno 2014 viene rilasciato Google My Business […]

    12. Fabio 9 gennaio 2016 al 0:31 - Rispondi

      Buongiorno Salvatore!

      Sto leggendo il tuo libro ed ora che ho letto questo post penso di aver sbagliato.

      Ho un e-commerce che vende solo online prodotti con il proprio marchio, il marchio e l’e-commerce sono omonimi, ho aperto il profilo vetrina perché se non ho capito male anche 6sicuro USA un sito vetrina, mi chiedo però se non fosse meglio aprire la pagina come marca.

      Da un lato mi piace che scrivendo il nome dell’azienda venga fuori l’indirizzo corredato di mappa utilizzabile da fornitori o altro, dall’altro non voglio trovarmi i clienti in ufficio che potrebbero pensare che io sia un negozio fisico nonostante ci sia scritto e-commerce 😀

      Posso essere tu cosa ne pensi? Grazie sin d’ora!

      • Salvatore Russo 13 gennaio 2016 al 23:00 - Rispondi

        Ciao Fabio,
        nel tuo caso dovresti aprire una pagina Brand 🙂

    13. Giovanni 11 febbraio 2016 al 19:17 - Rispondi

      Ciao Salvatore. Sono accidentalmente incappato in questo sitone e devo dire: *azzo! Pulito, semplice e dettagliato. E in più a quanto vedo (cosa straordineria che non capita spesso di trovare) sei un professionista che risponde pure alle domande! Per questo ti ho “accerchiato” con entusiasmo. Ma vengo alla mia domandina.

      Ho preso in mano da qualche mese la comunicazione di una PMI e ieri ho iniziato a guardare la loro pagina G+ Local, aperta nel 2013 (l’azienda è un B2B). Ora, mi pare funzioni tutto: i riferimenti aziendali vengono mostrati su Maps e Google correttamente, la pagina è stata indicizzata, ma, quando ho provato a cercare eventuali pagine-fake o duplicati dell’originale digitando il nome dell’azienda sulla barra di ricerca di G+, NON salta fuori la loro pagina ufficiale. Anzi, è saltata fuori, appunto, una pagina-duplicato che non c’entra.
      Come mai la pagina ufficiale è stata indicizzata perfettamente ma non si trova su G+? Sono sicuro che la verità sta nella semplicità, ma giuro non ne sono venuto a capo.

      Ti ringrazio in anticipo e a presto 😉

      • Salvatore Russo 4 marzo 2016 al 18:14 - Rispondi

        Ciao Giovanni,
        la risposta è dentro Google, ma è sbagliata… da quando mi dici.
        Però sinceramente non riesco a dirti nulla se non guardo il caso specifico, quindi se vuoi mandami una email qui wmsaver@gmail.com

    14. […] Google My Business: cos’è e come funziona di Salvatore Russo […]

    15. Alessia Forestini 12 maggio 2016 al 13:19 - Rispondi

      Ciao a tutti,
      premetto che non sono molto pratica di Google e Google plus…
      da un paio di mesi ho creato un profili alessia forestini psicologa psicoterapeuta su Google plu e Google my business sezione psicologo.
      Ho ricevuto la cartolina per la geolocalizzazione del mio studio e ho effettuato la verifica…
      Dopo di che niente…
      procedo a fare una ricerca su Google con psicologo marsala, psicologa marsala, psicoterapeuta marsala ma niente.
      in prima battuta, nel riquadro dedicato alla localizzazione dell’attività, escono sempre 2 mie colleghe , ma io no…
      Sono disperata…
      cosa ho sbagliato?
      grazie per l’aiuto che potrete darmi…
      Alessia

      • Salvatore Russo 13 maggio 2016 al 11:40 - Rispondi

        Ciao Alessia,
        per le informazioni che riporti dovrei essere un mago per dirti cosa non va, probabilmente nulla, bisogna capire come hai realizzato e impostato la pagina su Google+.
        Potresti girarmi il link su info@salvatore-russo.it 😉

      • Rinaldo Panucci 20 maggio 2016 al 17:44 - Rispondi

        Come “psicologa marsala” esci nella local pack (i primi 3 risultati) al terzo posto, direi ottimo. Forse dovevi solo aspettare un po per dare tempo al sistema di registrare il tutto.
        Ciao Alessia

    16. ERIKA 9 giugno 2016 al 14:02 - Rispondi

      Salve, io non me ne intendo per niente. Ho creato la pagina con foto ecc e l’ho verificata. Ho visto dalle statistiche che ho ricevuto visualizzazioni e altro e questo credo sia già buono. Ma come posso creare delle persone che mi seguono e a far lasciare delle recensioni?
      di sicuro non lo sto usando al massimo.
      Grazie
      erika

    17. Andrea 29 agosto 2016 al 20:06 - Rispondi

      Ciao, articolo interessantissimo. Arrivo a te perché pur avendo un sito di odontoiatria piuttosto frequentato, ( se posso studiodottorpiana.it ), faccio una bella fatica a scalare le posizioni nella mappa per le parole “dentista verona”. Ora mi è stato di recente offerta la possibilità di un servizio fotografico tipo “tour virtuale” non propriamente economico, che a detta loro dovrebbe aiutare la agognata scalata. Pensi che vi sia fondamento? Accetto tutti i consigli e rimango scettico per la proposta….Grazie anticipatamente

    18. Chiara 7 ottobre 2016 al 9:46 - Rispondi

      Ciao Salvatore,
      un consiglio: gestisco l’attività digitale per una Onlus con una sede fisica e alcune sedi periferiche.
      L’associazione praticamente non lo usa Google+, ma è interessata a comparire sulla mappa, con indirizzo, telefono, orari ecc. (il vecchio Google places insomma).
      Cosa mi consigli tra brand e local, contando che in questo caso non si tratta di un’attività commerciale?

      • Salvatore Russo 19 novembre 2016 al 18:48 - Rispondi

        Ciao Chiara,
        è comunque un’attività ricettiva, quindi vai di scheda local

    19. gianni rotondo 16 gennaio 2018 al 10:42 - Rispondi

      ciao salvatore! mi dispiace non essere capace di studiare queste nuove materie collegate alla comunicazione delle atttività imprenditoriali sulla rete….riesco a fare pochissimo…e comunque ad una lettura veloce di questa pag. non ho trovato quello che cercavo: ho caricato una foto dell interno del mio studio prof da psicologo (Gianni Rotondo psicologo Fasano) su google my business e mi è stato pubblicato roteato! credo abbia sbagliato il formato della foto che era da cell. e quindi “in verticale”. Ho provato a inviare un’ altra foto piu simile ad un quadrato…non è successo niente. Ho avvisato g. bì my business due gg fa …nessuna risposta. Puoi dirmi per favore cosa posso fare? grazie Grazie! g r

    20. benedetto 6 marzo 2018 al 18:34 - Rispondi

      Ciao Salvatore, da qualche giorno ho scoperto le potenzialità di Google business, e armato di buona volontà mi sono messo a smanettare un poco il sito dell’attività delle mie figlie, e nella compilazione dei vari campi, sto trovando delle difficoltà te le elenco :
      1) come posso aprire più schede con lo stesso sito?
      2) non trovo nelle attività standard quelle da inserire o quella presente è troppo generica, mi spiego meglio operiamo nel campo dell’assistenza domiciliare, esiste come voce solo quella, manca ad esempio badante, come posso fare per inserire anche queste parole chiave.
      Resto in attesa di una tua cortese risposta,
      Grazie
      Benedetto

    Scrivi un commento

    Google My Business: cos’è, come funziona, statistiche e recensioni

    tempo di lettura: 6 min