Facebook è come una mamma invadente

Scritto da | 2018-04-04T15:06:41+00:00 3 settembre 2015|

    Inviti a casa i tuoi amici per un bel seratone, sei vestito che Enzo Miccio scansate, c’è pure la ragazza che ti fa battere il cuore, tutto perfetto e…. tua madre si palesa solo per un salutino… in un secondo tutto cambia… i tuoi amici sono in cerchio, con tua madre al centro che tiene ben in vista l’album con le foto di quando eri piccino. Le foto di quando eri nudo mentre ti cambiava il pannolino, le foto della comunione  vestito da babbeo, sì, il vestito te lo ha comprato lei, ma ora ti piglia per il culo insieme ai tuoi amici, che ora sono i suoi amici. Cerchi di dire qualcosa, ma vieni zittito, passi per quello rompicoglioni, per quello permaloso, per quello che vorrebbe dar fuoco a sua madre. Disagio.

    Ecco Facebook può, in alcuni casi, rappresentare quella madre invadente. Siamo tutti cresciuti online con Facebook e l’utilizzo che ne facevamo qualche anno fa potrebbe essere molto differente da quello che ne facciamo ora. Ciò che abbiamo postato un anno, due, tre, quattro anni fa molto probabilmente non c’entra più nulla con quello che siamo oggi. Certo siamo sempre noi, proprio come quelle foto che tira fuori la mamma, ma non sempre vorresti che venissero a galla. Ecco con Facebook potrebbe capitare, si chiama effetto Marty Mcfly.

    Effetto Marty Mcfly

    A differenza di Marty Mcfly non hai bisogno di nessuna macchina del tempo, basta che qualcuno clicchi “mi piace” oppure commenti un vecchio post e PATAPEM! ti trovi catapultato nel passato, con un vecchio post di nuovo nella timeline. Si sa, la gente è sbadata, non tutti controllano la data di pubblicazione del post o che l’ultimo commento è del settordici AZ (Avanti Zuckerberg), ed inizia a commentare e mettere like a più non posso.

    In questi giorni ho visto molti casi di effetto Marty Mcfly e devo dire che mi sono divertito molto. Oggi per motivi puramente scientifici ho riportato in vita il mio compleanno di Maggio e la presentazione milanese del mio libro di Giugno 2014 ed ho ricevuto tanti auguri, ma anche gente che si disperava per essermi tagliato la barba 😀

    presentazione libro

    update: in questo momento sto ricevendo like ed auguri per il mio matrimonio di ottobre 2014!

    Morale

    Basta un like, per riportare a galla foto e post sepolti nel fondale di Facebook. Ho in mente scenari coccolosamente apocalittici! Tu non andare ora a spulciare le foto di amici e mettere like solo per metterli in imbarazzo, non lo fare eh. Mi raccomando… sarebbe come chiedere a Jovanotti di cantarti “Vai così, è una figata! Perché una storia così non c’è mai stata. Che ci ammazziamo, ci divertiamo, facciamo i scemi e qualche volta pensiamo!” 

    Qualche informazione in più su

    Uomo di marketing creativo e con le mani sporche di codice.

    Imprenditore, brand builder, marketing manager, growth hacker e attivatore di persone. Più che decennale esperienza nella creazione di piani editoriali, strategie di email marketing e content marketing.

    Padre di SEO&Love, Beach&Love, Social&Gym e tre figli stupendi.

    Scrivi un commento

    Facebook è come una mamma invadente

    tempo di lettura: 2 min
    0