Google My Answers – Risultati Privati in Google

Scritto da | 2018-04-04T15:11:39+00:00 21 agosto 2014|

    Quando esegui una ricerca su Google i risultati che visualizzi possono essere profondamente diversi da quelli visualizzati per lo stesso termine da un altro utente. Perché? Perché Google ormai da tempo personalizza i risultati in modo tale da fornirci la risposta più consona. Infatti i risultati potrebbero essere personalizzati in base a diversi criteri, ad esempio cronologia della ricerca, località oppure nostri dati privati forniti dai vari servizi Google e resi disponibili, appunto, da My Answers.

    Cos’è My Answers

    Dal 4 dicembre 2013 è presente anche in Italia il servizio My Answers, attivo in USA dall’Agosto 2013: Google integra l’enorme mole di informazioni della rete con tutte quelle che fornisci tu ed i tuoi contatti, così da offrirti una SERP Privè con tanto di champagne e vassoio di frutta.

    My Answers è un maggiordomo come quello di Batman, un Alfred Pennyworth premuroso e puntuale che ti fornirà tutte le informazioni di cui hai bisogno quando ne hai bisogno.

    Ecco come Google descrive My Answers:
    Quando esegui ricerche, puoi trovare informazioni pertinenti recuperate dai prodotti Google, quali Gmail, Google Calendar, Google Drive e Google Plus. Ad esempio, potresti trovare informazioni sul tuo prossimo volo, prenotazioni al ristorante, il tuo prossimo appuntamento dal dentista oppure il post di un tuo accerchiato su G+ direttamente nella pagina dei risultati di ricerca.
    Maggiori informazioni
    https://support.google.com/websearch/answer/1710607
    http://www.google.com/insidesearch/features/myanswers/

    Facciamo chiarezza

    Se esegui una ricerca mentre sei loggato con un account Google, guarda su in alto a destra, sorridi, sei su Google My Answers!
    Google, come impostazione predefinita,  ti mostra dei risultati “privati”, visibili solo a te, provenienti dall’ecosistema Google, in questo caso ad esempio un mio post su Google Plus.

    risultati privati Google my business

    Ecco cosa ne pensa in merito Beatrice Niciarelli

    Beatrice Niciarelli

    Questi risultati sono privati, visibili solo a te e se loggato su Google.
    Sicuramente cambia il modo di vedere e intendere i risultati di ricerca, specialmente quelli mostrati in prima pagina. I tuoi contatti hanno ora la precedenza.
    Vedere un tuo amico nelle prime posizioni non fa di lui un mago della SEO, semplicemente è lì proprio perché “tuo amico”. Google non analizza le tue interazioni: sarai poi tu a decidere se e quanto valga l’informazione fornita.

    Questo grande cambiamento ha generato un po’ di confusione tra i gli addetti ai lavori e gli utenti, che possono pensare di aver scalato la vetta della prima pagina semplicemente con qualche testo ottimizzato. Insomma, tu e i tuoi amici sarete sempre primi? Mettiti l’anima in pace: non è così. Nelle chiavi generiche e molto competitive controlla sempre se attivo o meno Google My Answers, perché potresti avere una brutta sorpresa. Google cambia e cambia anche il nostro modo di cercare e visualizzare, per questo rimane fondamentale stare sempre al passo con le novità, senza dimenticare che la qualità delle informazioni fornite è sempre la chiave per ottenere risultati migliori.

    WEBMASTER TOOL E STAT SENZA PNSIER

    Vuoi sapere quanto è fico il tuo sito? Se vuoi impazzisci con svuota la cache, metti la cache, profilo ghost, computer criptato, etc altrimenti il metodo più semplice è andare su Webmaster Tools e guardare con quante e quali keyword viene fuori un risultato che ti riguarda. Tutto il resto sono pizzi e merletti.

    Opportunità Google Plus

    Il flusso lineare delle SERP viene interrotto dando spazio ai contenuti delle persone a te collegate tramite le cerchie di Google+. Oltretutto questi contenuti sono bene evidenziati perché riportano anche la pic profile di Google Plus. Prima era visibile anche per chi aveva impostato l’authorship ora solo per i post di Google Plus, rendendoli ancora più evidenti 😉

    Guarda questo esempio, ironia della sorte, la mia faccia esce fuori proprio su un post di Google Plus in cui parlo dell’abbandono del progetto authorship (almeno nella forma attuale):
    Google Plus e Google My Answers

    Diventa quindi importante  essere accerchiati e poi  condividere contenuti validi su G+  i quali avranno più chance di essere trovati dalle persone che sono in qualche modo collegate a te.

    Quindi essere su Google Plus, condividere contenuti utili, allacciare rapporti con i tuoi follower, creare ottime conversazioni e qualsiasi altra azione negli strati social dell’universo Google producono immediati risultati, in quanto, come appena detto, influenzano i risultati delle ricerche.

    Se sei nella prima pagina dei risultati, vuol dire che sei affidabile. Questo è il ragionamento basico di molti utenti, non si chiedono certo se il risultato è legato a My Answers, Adwords o lavoro SEO meraviglioso. Valutano solo se corrisponde alla loro necessità. Questa è un’opportunità da sfruttare.

    Questo ed altro sul mio libro “Scopri Google Plus e conquista il web”

    Basta! Voglio scendere!

    Se sei un nostalgico della cara e vecchia SERP e vuoi disattivare i risultati privati puoi farlo in due modi:

    • Per la singola ricerca
      basta cliccare sull’icona del mondo
    • Per tutte le ricerche
      1. Visita la pagina Impostazioni di ricerca.
      2. Nella sezione “Risultati privati”, seleziona Non utilizzare risultati privati.

    Consiglio

    Per concludere ti consiglio la lettura di questo articolo “My Answers: i Nostri Risultati Privati dentro Google. Pericoli, opportunità ed evoluzioni!!” http://seoblog.giorgiotave.it/my-answers-risultati-privati di Giorgio Taverniti https://plus.google.com/u/0/+GiorgioTaverniti82s

    Qualche informazione in più su

    Uomo di marketing creativo e con le mani sporche di codice.

    Imprenditore, brand builder, marketing manager, growth hacker e attivatore di persone. Più che decennale esperienza nella creazione di piani editoriali, strategie di email marketing e content marketing.

    Padre di SEO&Love, Beach&Love, Social&Gym e tre figli stupendi.

    Un commento

    1. […] Sponsorizza il tuo profilo social. Più utenti trovano i tuoi contenuti, più utenti li condividono, più utenti ti seguono aumentando la portata dei tuoi contenuti. Mai sentito parlare di My Answers? […]

    Scrivi un commento

    Google My Answers – Risultati Privati in Google

    tempo di lettura: 3 min
    1